Maurizio Pesenti

Real Estate & business Coach

Rent to buy: le precisazioni del fisco.

Le indicazioni sulla disciplina fiscale da applicare al "rent to buy", i contratti di locazione sottoscritti in vista della successiva vendita del medesimo immobile all'affittuario.

Pronte le indicazioni sulla disciplina fiscale, ai fini delle imposte dirette e indirette, da applicare in riferimento al rent to buy, formula innovativa che designa specifici contratti di godimento, cioè di locazione, che le parti sottoscrivono in vista della successiva vendita del medesimo immobile all'affittuario. In particolare, con la circolare n. 4/E di oggi, l'Agenzia delle Entrate definisce aliquote e modalità del regime fiscale da utilizzare per la tassazione del nuovo schema contrattuale (articolo 23, Dl n. 133/2014).

Tassazione a due vie, la finalità della quota di canone pagata dall'affittuario fa la differenza - In sostanza, spiega il documento di prassi, il trattamento fiscale da applicare al canone corrisposto dal locatario deve essere diversificato tenendo conto della funzione specifica, per il godimento dell'immobile o come acconto sul prezzo finale di trasferimento, per la quale le somme sono pagate dall'affittuario al proprietario. Nel primo caso quindi, prosegue la circolare, trovano applicazione le disposizioni previste per i contratti di locazione, sia per le imposte dirette che per quelle indirette, mentre per la quota di canone versata come anticipazione del corrispettivo pattuito per la vendita dell'immobile si applicherà la normativa fiscale prevista per gli acconti-prezzo.

articolo completo e allegato da scaricare a seguente sito

Torna alla home

Condividi post

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post