Maurizio Pesenti

Real Estate & business Coach

La nuova sede della Campari



È stata inaugurata a giugno scorso la nuova sede centrale della Campari a SestoSan Giovanni (MI). Progettata, su richiesta del committente Davide Campari S.p.A., dall’architetto Mario Botta con Giancarlo Marzorati, si estende su una superficie utile di 10.200 mq.
Il progetto prevede un nuovo sviluppo terziario e residenziale e il conseguente riordino di questa zona periferica dove lo sviluppo caotico dei grandi centri ha messo a confronto le industrie del primo Novecento con le parti cresciute negli ultimi anni. La riqualificazione avviene mediante una densa edificazione che ha previsto un complesso per uffici sui fronti di viale Gramsci e via Sacchetti e di residenze su via Campari, in maniera tale da liberare il resto dell’area che diverrà un grande parco per la città di Sesto.
L’edificio della nuova sede Campari è imponente e articolato su due corpi di fabbrica principali incernierati tra loro. L’uno denominato torre ha 9 piani fuori terra e due piani interrati, mentre l’altro ha la conformazione di un ponte e ha due soli piani, il quarto e il quinto, oltre ai due interrati.
Questi due edifici sono completati da due ulteriori porzioni, la prima costituita da un antico edificio industriale dell’inizio del secolo scorso che ospitava la vecchia fabbrica Campari e la seconda denominata lobby: una grande piazza caratterizzata da una copertura curvilinea che digrada verso uno specchio d’acqua e realizzata in legno lamellare con una copertura vegetale.
La sapiente mescolanza dei materiali che caratterizza l’edificio rivela una grande creatività soprattutto per l’utilizzo di materiali tradizionali in modo innovativo (ad esempio la seconda facciata in cotto che caratterizza tutto l’insieme costituendo però anche un elemento funzionale). La scelta è stata molto rigorosa poiché i progettisti hanno preferito introdurre un numero limitato di materiali per ottenere un risultato omogeneo.
Nell’edificio si mescolano con grande armonia il vetro delle facciate e delle pareti mobili, il cotto toscano del brise soleil, il granito bianco utilizzato per pavimentare gli spazi comuni (reception, lobby, scale e vani ascensori fino al piano terreno), il gres porcellanato grigio antracite per gli uffici ed il legno del controsoffitto e delle boiserie che ricopre i corpi interni dove si trovano i vani scala degli ascensori ed i locali tecnici.


Torna alla home

Condividi post

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post