Maurizio Pesenti

Real Estate & business Coach

Aste immobiliari: si va verso la normalizzazione?

Sandro Simoncini, presidente di Sogeea e docente a contratto di Urbanistica e legislazione ambientale presso l'università Sapienza di Roma, saluta positivamente il trend: «Negli ultimi sei mesi le vendite all'incanto andate a buon fine non sono state compensate dall'arrivo sul mercato di altrettante case, segno che le persone che si trovano in difficoltà economico-finanziaria stanno fortunatamente diminuendo e che gli istituti di credito sono meno aggressivi nei confronti di chi è in sofferenza». Questo è accaduto principalmente per due ragioni: le banche sono consapevoli che il valore degli immobili è drasticamente calato negli ultimi anni e, di conseguenza, un'asta non le farebbe comunque rientrare dei capitali erogati. Inoltre tra gli istituti di credito è ormai diffusa la consapevolezza che, in molti casi, le difficoltà di chi ha acceso un mutuo sono legate a meccanismi discutibili come quello degli interessi scaturiti dagli interessi. «Va comunque sottolineato che nella stragrande maggioranza dei casi parliamo di immobili non di pregio, per cui è ancora la fascia di reddito medio-bassa a pagare il tributo più rilevante alla crisi», ricorda Simoncini. «Il 66% delle case in vendita ha un prezzo inferiore ai 100 mila euro, quota che sale all'88% se prendiamo in esame anche gli immobili appartenenti alla fascia tra 100 mila e 200 mila euro». Di contro, considerando il punto di vista di chi è interessato ad acquistare, la presenza sul mercato di così tante case offre notevoli opportunità d'investimento. «Molti istituti bancari mettono a disposizione strumenti finanziari ad hoc per procedere all'acquisto e i meccanismi di vendita all'asta sono trasparenti e tutto sommato semplici: chi ha disponibilità di denaro può realizzare dei veri e propri affari e c'è sempre la possibilità di farsi seguire da un tecnico o da un professionista del settore per avere la sicurezza di non commettere passi falsi», aggiunge l'esperto.

leggi l'articolo integrale

Torna alla home

Condividi post

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post