Maurizio Pesenti

Real Estate & business Coach

Assoedilizia: ripartenza nel 2011.

Secondo Assoedilizia nel 2010 l'investimento immobiliare ha riscaldato il motore, pronto a ripartire nel 2011.
Speranze e timori sono riassunti in queste cifre e valutazioni. Nel 2010 leggero progresso del mercato (620.000 unità immobiliari vendute, più 3,3% rispetto al 2009): la Lombardia, il più importante mercato nazionale assieme al Lazio, dovrebbe registrare nel 2010 oltre 130.000 compravendite; è continuato anche nel 2010 il ribasso dei valori (meno 2,2%), ma una risalita analoga si avrà nel 2011.
Al Nord il mercato residenziale ha registrato un aumento delle compravendite del 2,5%, al centro di oltre l'1%, mentre al Sud c'è stato un calo del 14%: un trend che conferma la diversa disponibilità di risorse per rispondere alla crisi.
Fenomeno diffuso in tutto il Paese: un incremento delle vendite nei capoluoghi e un calo nella provincia. Qualche altro dato: Milano guida la classifica con più 20%, seguono Roma con 14%, Bologna 7%, Genova 1,5%; mentre sono in calo Torino con meno 2,5%, Firenze con 7,5% e Palermo con 10,6%.

Il relativo ottimismo per il 2011 viene dal fatto che resta elevata la fiducia delle famiglie italiane (23%) nell'investimento nel mattone, anche se il 22% pensa che i risparmi vadano mantenuti liquidi (il 40% non ha risparmi e solo il 5% pensa alla Borsa).
In sofferenza ancora gli hinterland delle grandi città, dove occorreranno almeno un paio d'anni per assorbire l'invenduto anche per l'eccesso di produzione (il nuovo sconta cali di prezzo che possono arrivare al 20%).

Torna alla home

Condividi post

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post