Maurizio Pesenti

Real Estate & business Coach

Il mercato immobiliare lombardo.

Secondo l’Ance, il mercato immobiliare abitativo in Italia, dopo la lunga fase di espansione avviatasi alla fine degli anni novanta, dal 2007 ha visto un’interruzione del trend di crescita nel numero di immobili compravenduti.
Il 2009 è stato il terzo anno consecutivo di calo di abitazioni compravendute, una dinamica che non si era mai verificata nel corso degli ultimi venticinque anni.
Secondo i dati dell’Agenzia del Territorio, nel corso del 2009 sono state compravendute circa 609 mila abitazioni, con un calo dell’11,3% nel confronto con il 2008. Un dato che rispetto al picco di 845 mila compravendite raggiunto nel 2006, significa una flessione del 27,9% in tre anni.
La contrazione del mercato sta riportando i livelli di abitazioni compravendute a quelli osservati a fine anni '90. Dall'analisi dei singoli trimestri, si osserva un progressivo rallentamento della caduta della domanda residenziale che passa dal -18,5% del primo trimestre 2009 al -12,9% del secondo trimestre, al -11% del terzo trimestre ed al -3,2% del quarto trimestre, rispetto agli analoghi trimestri dell’anno precedente.
Anche in Lombardia, il mercato immobiliare residenziale evidenzia un andamento negativo, confermando i segnali in tal senso già emersi nel 2007. Nel corso del 2009 sono state compravendute in Lombardia circa 122 mila abitazioni, con un calo del 14,1% nel confronto con il 2008.
La diminuzione del numero di abitazioni compravendute, pari al 31,8% in tre anni, sta riportando il mercato ai livelli osservati a fine anni '90. La riduzione delle compravendite di abitazioni rilevata nel 2009 si verifica sia nei comuni capoluogo che nei comuni più piccoli, sebbene con livelli di intensità diverse. Nei comuni non capoluogo, nei quali avviene oltre il 70% degli scambi totali, la diminuzione delle transazioni residenziali risulta più evidente, con un calo del 15,5% rispetto al 2008. Di minore entità la riduzione registrata nei comuni capoluogo pari all’8,7%.
Disarticolando i dati a livello provinciale si osserva che, nel corso del 2009, la diminuzione del numero di compravendite di abitazioni risulta generalizzata a tutte le province della Lombardia ma con intensità diverse.
Le flessioni più pronunciate si registrano nelle province di Pavia (7.347 abitazioni: -17,6%), Mantova (3.928 abitazioni: -16,1%), Varese (10.433 abitazioni: -16,0%), Lecco (4.048 abitazioni: -14,8%), Lodi (2.944 abitazioni: - 14,5%) e Brescia (14.084 abitazioni: -14,4%).
Anche le restanti cinque province si caratterizzano per un trend negativo: Bergamo (14.030 abitazioni: - 11,3%), Como (7.135 abitazioni: -12,8%), Cremona (3.961 abitazioni: -12,2%), Milano (51.707 abitazioni: -13,9%) e Sondrio (1.991 abitazioni: -13,5%).

Torna alla home

Condividi post

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post