Maurizio Pesenti

Real Estate & business Coach

Ambiente: lo stato del fiume Olona.

Fiume Olona

Parco dei mulini, vasche di laminazione e stato ambientale del fiume Olona. Sono questi i temi di discussione in questi giorni che riguardano direttamente o indirettamente il corso d'acqua che attraversa l'Altomilanese. Lunedì e martedì si è conclusa la prima fase di "M'appare il parco", ovvero la mappatura condivisa con cittadini e associazioni del territorio del parco locale di interesse sovracomunale di interesse locale dei Mulini, che coinvolge Legnano (che ha messo a disposizione il territorio del già esistente parco Castello) San Vittore Olona, Canegrate e Parabiago (ed in chiave futura anche Nerviano). A breve, la nuova mappa dove saranno indicati percorsi, scorci e siti di interesse storico e culturale verrà stampata in 50 mila copie. L'ultimo atto sarà l'incontro previsto il prossimo 12 aprile. Secondo l'assessore alla Cultura sanvittorese Giacomo Agrati per il buon funzionamento del parco (Non è ancora chiara la forma giuridica) sarà buona cosa coinvolgere al meglio gli agricoltori, magari con un gruppo consultivo che possa fungere da indirizzo verso le varie politiche del parco. Secondo Agrati per valorizzare storicamente il territorio in questione la chiave andrebbe ricercata nel ricordo della battaglia di Parabiago del 1335 (6000 morti) che ebbe luogo proprio lungo l'Olona. Intanto però prosegue anche l'iter per la realizzazione delle vasche di laminazione per il contenimento delle piene previste a San Vittore. Dopo l'incontro di alcune settimane fa in Regione il comune è pronto a portare nuove osservazioni da parte dei suoi tecnici. Sul futuro dell'opera contestata dalla giunta locale, ma anche da cittadini e agricoltori influirà molto anche l'esito del voto regionale di lunedì e domenica. In attesa che parco e vasche abbiano sviluppi, ci si attende qualche forte pioggia e la relativa piena che potrebbe spazzare via la schiuma che in questi ultimi giorni (a causa di uno scarico illegale in provincia di Varese) ha invaso l'Olona. Il versamento che ancora crea larghe macchie schiumose non ha fortunatamente colpito la fauna ittica che da qualche anno è tornata a vivere nel fiume. I pesci stanno benone. L'Olona, pur essendo ancora inquinato, recentemente ha dato segni di miglioramento.

Torna alla home

Condividi post

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post